...
JÒzsef KÖfaragÓ

Pittore | Ungheria

Iniziazione
olio su tela
70x24cm


Le leggi a gli insegnamenti
olio su tela
57x30cm


Porta di luce
olio su tela
61x30cm
...

JÒzsef KÖfaragÓ

Pittore | Ungheria


Biografia


Ha iniziato I suoi studi all’Hungarian University of Arts ottenendo poi la laurea in design management all’ Hungarian College of Fine Arts nel 1989. è membro dell’associazione degli artisti e dei creativi ungheresi. Ha ricevuto, a riconoscimento del suo lavoro, il Budapest Order of Merit e l’Hungarian Design Award. Le sue opere sono state esposte in Germania, in Austria, a Cipro, in Svizzera, USA e Canada.
Lo storico dell’arte Gabor Rideg ha commentato i suoi dipinti nel corso di una delle sue esposizioni sottolineando come “egli crei una mitologia unica, traendo dalla memoria un mondo fantastico, unico nel suo genere. I suoi sogni lo portano indietro in epoche mai esistite. I dipinti dell’artista contengono sempre un messaggio che egli permette all’osservatore di decifrare, in tal modo gli fornisce la libertà di interpretare il messaggio così come viene visto tramite il proprio carattere individuale e la propria cultura, creando così la realtà assieme all’artista. I suoi dipinti differiscono dalla norma sia riguardo al tema che alla composizione, con lo scopo oggettivo di scuotere l’osservatore permettendogli di superare i suoi normali modi di pensare”. La sua compagna, Eva Eiler, un paio di anni fa l’ha incoraggiato a esporre i suoi dipinti accompagnandoli con didascalie tratte dal libro Scientia Sacra del filosofo ungherese Bela Hamvas, così il titolo ricorrente delle sue esposizioni è divenuto Scientia Sacra - Golden Age and Apocalypse. Geza Horvath, docente di storia della letteratura ha aperto l’esposizione con le seguenti parole: “nell’antica età dell’oro il corpo (umano) era considerato un vaso sacro e lo spirito rappresentava i fiori che vi brillavano. Nel nostro periodo storico l’idea moderna di omologazione sta rendendo l’esistenza collettiva indefinita ... Tramite l’insonnia e l’amore, quali strumenti di salvezza, il singolo può emergere da questo stato a uno stato più alto, universale e metafisico ... una ‛dimensione oltre la religione′, un’esistenza metafisica. In questa dimensione il logos, l’intelligenza divina, assume il controllo, è questa la dimensione dell’esistenza umana”. L’esposizione Scientia Sacra – Golden Age and Apocalypse intende dischiudersi da questi pensieri eterni. La sua ultima inaugurazione ha avuto luogo quest’anno nel corso del 9th Sacral Art Week, a Budapest. “L’età dell’oro non è ciò che i testi sacri descrivono in termini di presenze smarrite e tempi passati. … l’unica ragione dell’attività umana è creare abbondanza, bellezza, sviluppo e verità; è per questo che l’essere umano crea oggetti e strumenti, osserva le leggi, indossa vesti magnifiche, per questo studia, canta, accudisce animali, territorio e governa le nazioni nello spirito della verità. Si deve creare l’età dell’oro, non solo come tipo di mondo, ma il mondo trascendentale delle parole”. L’artista ha l’impressione che la condizione dei nostri tempi gli imponga questo alto impegno: i suoi dipinti e le citazioni di Bela Hamvas sono mossi da questo obiettivo.

contattaci


Indirizzo

Via Stradella Interna A, 4
31100 Treviso
ITALIA

Telefono

+39 348 70 11 723
+39 348 26 36 907

E-mail

info@tantarte.org

Web

www.tantarte.org